Dualchi

Rilancio turistico per ex miniera Gadoni

L'ex miniera di Funtana Raminosa a Gadoni comincia un nuova vita. Dopo secoli di sfruttamento del giacimento del rame e di attività industriale, viene ora rilanciata in chiave turistica. Oggi la cerimonia riapertura del sito, con la benedizione della chiesetta campestre di Santa Barbara riconsacrata, impartita dall'arcivescovo di Oristano monsignor Ignazio Sanna, e un convegno promosso dalla Confindustria della Sardegna centrale. "Per Funtana Raminosa si tratta di un nuovo inizio, declinato in chiave turistica, culturale e produttiva, che speriamo possa contribuire allo sviluppo di Gadoni e del suo territorio, un modo concreto per combattere lo spopolamento", ha spiegato l'assessora all'Industria Maria Grazia Piras. La Giunta regionale ha avviato una serie di iniziative per consentire la valorizzazione dei beni ex minerari in Sardegna con la cessione di alcuni siti alle amministrazioni comunali per consentirne il riutilizzo produttivo. "È una strada che abbiamo percorso da altre parti nell'isola - ha sottolineato Piras - Ricordo la riapertura della Galleria Henry a Buggerru, Porto Flavia e Santa Barbara a Iglesias e la Galleria Anglosarda a Montevecchio, in territorio di Guspini. Oggi questi siti fanno registrare la presenza di decine di migliaia di turisti all'anno". Al passaggio di Funtana Raminosa al Comune hanno partecipato l'Igea, il Parco Geominerario e lo stesso comune di Gadoni. La Regione ha così confermato l'impegno ad investire nei 170 siti minerari sparsi in tutta l'isola. "Abbiamo un patrimonio inestimabile - ha ribadito la titolare dell'Industria - la maggior parte può essere rilanciata e noi questo vogliamo fare". Molteplici le iniziative legate alla ricerca già sviluppate nelle ex miniere: dalle attività in corso alla Carbosulcis con il progetto Aria al programma scientifico nella miniera Igea di Sos Enattos a Lula, dove è stato installato un laboratorio internazionale per la ricerca sulle onde gravitazionali che ospiterà il cosiddetto Telescopio di Einstein. (ANSA).

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie